Organizzazione, obiettivi e piano di studi

Parole chiave: Condizioni quadro giuridiche della pedagogia speciale / Strutture diurne complementari alla famiglia

In Svizzera l'adeguata scolarizzazione dei bambini e degli adolescenti con particolari esigenze educative e affetti da disabilità è disciplinata per legge. Dal 2008 la pedagogia speciale è competenza esclusiva dei Cantoni. Questo significa che la responsabilità tecnica, giuridica e finanziaria dell'educazione speciale è dei Cantoni. Questa nuova assegnazione dei compiti obbliga tutti i Cantoni a definire le misure e l'offerta di pedagogia speciale in un concetto di pedagogia speciale. I Cantoni offrono le seguenti forme di scolarizzazione speciale:

Forme di scolarizzazione speciale

  • Educazione pedagogico–curativa precoce

    L'educazione pedagogico–curativa precoce si occupa del trattamento di bambini disabili o con ritardi, limitazioni o compromissioni evolutive. Le misure di sostegno possono essere erogate nel contesto familiare per bambini dalla nascita fino a massimo due anni dopo l'ingresso nella scuola.

  • Scolarizzazione integrativa

    L'integrazione a tempo pieno o parziale di bambini e degli adolescenti con particolari esigenze educative in una classe regolare
    – attraverso l'impiego delle misure di pedagogia speciale offerte dalla scuola; e/o
    – attraverso la disposizione di misure accresciute in base alla procedura di valutazione standardizzata (scolarizzazione speciale integrativa).

  • Classi speciali

    Nelle classi speciali è ammesso solo un numero limitato di discenti con compromissioni evolutive o che, per via delle loro difficoltà (difficoltà di apprendimento e disturbi comportamentali), con ogni probabilità non sarebbero in grado di seguire l'insegnamento della scuola regolare. Le classi speciali costituiscono una forma di scolarizzazione a metà tra la scuola regolare e la scuola speciale. Tuttavia, le classi speciali sono ancora disponibili solo in alcuni Cantoni.

  • Scuole speciali

    Una scuola speciale fa parte del livello di formazione della scuola dell'obbligo ed è specializzata in determinate forme di disabilità o di difficoltà di apprendimento e di disturbi comportamentali. Alle scuole speciali sono ammessi esclusivamente bambini e adolescenti che in base alla procedura di valutazione standardizzata hanno diritto a misure accresciute. L'ammissione è sottoposta a procedimento di approvazione cantonale. Esiste, inoltre, la possibilità di abbinarvi l'offerta di soggiorno stazionario o l'offerta di assistenza in strutture diurne.

  • Offerte pedagogico–terapeutiche, come la logopedia e la terapia psicomotoria

    Nella logopedia sono diagnosticati e trattati i disturbi del linguaggio, del parlato, della comunicazione e del flusso verbale e della voce. La terapia psicomotoria si occupa delle interazioni tra la percezione, i sentimenti, il pensiero, il movimento e il comportamento, così come dell'espressione corporea. Nell'ambito di entrambe le offerte pedagogico–terapeutiche vengono programmate, eseguite e valutate tutte le misure terapeutiche necessarie.

Obiettivi di apprendimento ed esigenze

Gli obiettivi di apprendimento e le esigenze per i bambini e gli adolescenti con particolari esigenze educative vengono adattati di volta in volta in base all'alunno in questione ed alle sue capacità. Nella sostanza dipendono dal tipo di disabilità: un deficit sensoriale o fisico non implica a priori alcuna limitazione dell'apprendimento cognitivo. In questo caso vengono messi a disposizione mezzi di insegnamento e aiuti specifici per il raggiungimento degli obiettivi ed il soddisfacimento delle esigenze della scuola regolare.

All'estremo opposto, per gli allievi le cui difficoltà di sviluppo e le capacità di apprendimento non permettono di orientarsi seguendo il piano di studi della scuola regolare, gli obiettivi di apprendimento fissati mirano soprattutto ad ottenere la maggiore autonomia ed integrazione sociale possibile. In ogni caso, gli obiettivi di apprendimento tendono a far raggiungere, per ogni allievo, il miglior equilibrio possibile tra lo sviluppo massimo del potenziale del bambino o dell'adolescente (a livello cognitivo e generale) e il suo stato di benessere, e ciò indipendentemente dal tipo di scolarizzazione (classi speciali o scolarizzazione integrativa).

I contenuti e gli obiettivi di apprendimento – e di sviluppo – sono sempre più spesso elencati nei progetti educativi individualizzati (PEI) elaborati da un'equipe interdisciplinare di esperti che agiscono intorno al bambino o ragazzo. Questa procedura necessita dunque di un ottimo coordinamento e di un'ottima collaborazione tra le diverse parti che si riuniscono a scadenza regolare per rivalutare e rivedere gli obiettivi.

Valutazione degli allievi

La modalità di valutazione privilegiata nella pedagogia speciale è la valutazione continua e formativa che permette di fornire un feedback regolare all'allievo e ai suoi genitori. La valutazione dell'allievo viene espressa in un rapporto alla fine del periodo o dell'anno scolastico. Gli esami di fine anno e i voti sono piuttosto rari. Gli allievi disabili possono richiedere misure di compensazione degli svantaggi (per esempio prolungamento del tempo accordato per passare un esame; accompagnamento da parte di una terza persona [per esempio da un interprete della lingua dei segni durante un esame orale, nel caso di un allievo audioleso]; adattamento dei supporti o delle forme d'esame.).

Questa pagina in: Deutsch Français Rumantsch English

Ultimo aggiornamento di questa pagina: 14.12.2018

Services

Job